Recensione – The Mandalorian 1×07 “Chapter 7: The Reckoning”

N.B. l’articolo contiene spoiler

Trama:
Un vecchio rivale estende un invito al Mandaloriano per fare pace.

Cast:
Pedro Pascal, Nick Nolte, Emily Swallow, Omid Abtahi, Carl Weathers, Giancarlo Esposito, Nick Nolte e Gina Carano.

LA STRADA PER IL FINALE

The Mandalorian The Reckoning

Dopo un lungo percorso costernato da filler ed episodi al ribasso scenicamente e narrativamente, era lecito aspettarsi un finale di The Mandalorian con i botti: ed è effettivamente così è stato. The Mandalorian: The Reckoning prepara il terreno al gran finale di stagione, e lo fa con uno degli episodi più spettacolari ed emotivi di questa prima stagione.

Se alcuni episodi davano la netta sensazione di aver avuto a disposizione un budget più basso così da investire quei soldi a episodi più concitati e impegnativi, il settimo capitolo di The Mandalorian conferma quelle sensazioni. Non solo riprende dopo svariate settimane il filone narrativo principale, ma lo fa con una storia dietro che, nonostante continui ad essere misteriosa, assume dei contorni più chiari su tutto ciò che gli ruota attorno.

The Reckoning riporta The Mandalorian a livelli alti, altissimi. Merito di ciò anche di Deborah Chow, già alla regia del terzo (ottimo) episodio, e che conferma tutta la propria maestria dirigendo un episodio denso, sostenuto e coraggioso. Proprio la Chow è uno dei prospetti più interessanti di questa prima stagione, lasciando ben sperare per la prossima serie spin-off dedicata a Obi-Wan Kenobi di cui sarà interamente regista. Ma adesso dedichiamoci al capitolo sette di The Mandalorian.

UN CLIENTE DI TROPPO

The Mandalorian The Reckoning

Alla luce degli scorsi episodi dedicati al Mandaloriano, con una struttura molto videoludica: presa di un incarico, svolgimento, scontro e partenza per un’altra missione. Dicevamo che The Reckoning riprende le fila della storia primaria dello show. Difatti, ricevendo un messaggio da Greef Karga, esso offre al Mandaloriano un patto: usare Baby Yoda come esca per uccidere il Cliente. Questo avviene ala luce dell’occupazione della città di Karga dai soldati Imperiali che, su ordini del Cliente, cercano l’Infante per i propri scopi. L’accordo tra Mando e Karga prevede che l’uccisione del Cliente cancellerà ogni violazione commessa nei confronti della Gilda, permettendogli inoltre di tenere Baby Yoda con sé.

Accettando l’alettante proposta, il Mandaloriano decide comunque di proteggersi chiedendo aiuto ai suoi fidati compagni: Kuiil e Cara Dune. Il primo in particolar modo ha rimesso a nuovo (e riprogrammato) IG-11 (il drone doppiato da Taika Waititi). IG-11 è così diventato da spietato assassino a servizievole aiutante, che all’occorrenza sa però difendersi molto bene.

I tre partono così alla volta di Nevarro sul quale si ricongiungono con Karga e suoi associati. Durante una breve sosta verso la città vengono attaccati da dei Mynocks, con Karga che rimane gravemente ferito. Qui torna a mostrarsi la Forza, con Baby Yoda che la utilizza per curare le ferite mortali di Karga salvandogli la vita. Questo è un avvenimento cruciale. Non lo è solo perché mostra le abilità del Bambino per la prima volta davanti a dei sconosciuti; ma lo è perché il salvataggio fa cambiare idea a Karga che si libera dei suoi alleati spiegando che l’obiettivo iniziale era quello di uccidere il Mandaloriano e consegnare l’Infante all’Impero.

LOS POLLOS HERMANOS

The Mandalorian The Reckoning

Ci si avvia così verso la fine della puntata che mostra tutta la bontà registica e narrativa dello show. Formulando un nuovo piano: Karga farà finta che Dune abbia catturato Mando così da entrare in città e incontrare il Cliente; mentre Kuiil riporterà Baby Yoda alla Razor Crest. Tutto sembra procedere come previsto, fino a quando durante l’incontro il Cliente riceve una chiama da Moff Gideon, suo superiore. Gideon, avendo capito il tranello del Mandaloriano, fa circondare l’edificio dai soldati Imperiali e da dei Death Troopers, facendogli aprire il fuoco e uccidendo il Cliente. Entra così in scena dopo tanta attesa Gideon, impersonato da Giancarlo Esposito con una sequenza costruita benissimo e scenicamente davvero carica.

Quest’ultimo conferma di presenza che l’Infante sarà presto tra le sue mani. Infatti, nel frattempo, nel deserto due Scout Troppers inseguono Kuiil prima che possa fuggire dal pianeta, uccidendolo e catturando Baby Yoda, che adesso si trova nelle mani dell’Impero.

L’elemento più interessante di The Reckoning è la consapevolezza che ha nel fattore che, nonostante numerosi episodi secondari, essi siano serviti per arrivare a un finale drammatico e con il quale sia impossibile non empatizzare. Ogni personaggio è stato delineato benissimo per giungere a questo momento. L’interazione tra Mando e Karga, la cattura di Baby Yoda o l’uccisione di Kuiil. Ogni scelta è stata svolta diligentemente e con intelligenza per preparare il terreno a un finale che si annuncia scioccante e senza esclusione di colpi.

COMMENTO:

The Mandalorian: The Reckoning è l’episodio più soddisfacente e sorprendente del breve cammino dello show. Il penultimo episodio della prima stagione è innanzitutto girato benissimo, ma dalla sua ha il grande merito di riprendere, dopo tanto tempo, i fili principali della storia. Ne esce un episodio ricco di avvenimenti, coraggioso, carico emotivamente e che cambia totalmente le carte in tavola divenendo poco prevedibile e drammatico nelle sue scelte.

Giudizio Finale:

Fantastico
9.5

Voto

9.5/10

Autore dell'articolo: Francesco Di Maria

Nato con una penna e una cinepresa in mano, non si sforza minimamente per rendere questa biografia un minimo interessante. Scribacchino per diletto. Nerd fino al midollo. Fotografo per passione. Mangiatore per vocazione. Da un po' di tempo alle prese con L'Inventario di Chicco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *