Recensione – WandaVision 1×03 “Ora a Colori”

Trama:
Wanda è alle prese con una particolare gravidanza.

Cast:
Elizabeth Olsen, Paul Bettany, Evan Peters, Kathryn Hahn, Teyonah Parris, Randall Park, Fred Melamed, Jolene Purdy e Debra Jo Rupp.

COMPRENSIONE COMPRESSA

WandaVision Ora a Colori

Se settimana scorsa (qui) il debutto di WandaVision era stato tanto riuscito quanto misterioso, la situazione migliora leggermente in questo secondo appuntamento. Chiaramente, si parla di una serie che continua a mantenere la sua durata di venti minuti, con uno stile sitcom e una cadenza settimanale, tutti fattori che poco agevolano la comprensione vista la “compressione”. Ma che nonostante sia particolare e assurda, in svariati frangenti comincia a inserire elementi volti a districare una trama fittissima.

In “Ora a Colori” l’episodio – come suggerisce il nome – si allaccia a stretto giro al finale della scorsa puntata in cui la ‘WandaVision’ prendeva colore entrando in una nuova era. La serie gioca molto su questo aspetto. È come se il viaggio di Wanda e Visione venga scandito da periodi televisivi e culturali che, giustamente, danno largo margine di manovra per sperimentare a livelli spropositati. E la cosa gli riesce.

Gli riesce perché le sensazioni avute nel doppio episodio di debutto sono tutte confermate. La Olsen e Bettany attori affabili il cui divertimento nell’interpretare questi personaggi, all’interno di questo contesto, è palese. Ora a Colori porta così il colore in WandaVision, pur mantenendo un’immagine a 4:3 e tutte quelle risate, inquadrature, suoni e immagini classiche di una sitcom anni ’70. Ma non disdegna uno sguardo intrigante a ciò che riserverà il futuro.

GRAVIDANZE INATTESE

WandaVision Ora a Colori

Ma venendo all’episodio di WandaVision, Ora a Colori tratta interamente la gravidanza di Wanda, che scopre di essere incinta al quarto mese. Più che starvi però qui a parlare dell’episodio realizzando un semplice riassunto, vorrei soffermarmi su ciò che potrebbe significare tale scelta per la serie, ma anche per il Marvel Cinematic Universe – perché non dimentichiamoci che tutto è collegato.

Difatti, per quanto sia difficile giudicare ancora il prodotto nella sua interezza. Viene davvero difficile credere che scelte del genere non abbiano risvolti e ruoli chiave prossimamente. Se infatti sembra chiaro che quello di Wanda e Visione sia uno scenario generato dalla prima che vive la sua vita felice con Visione. A suscitare interesse sono gli ospiti di questa visione, realtà o come la si voglia chiamare.

Proprio in Ora a Colori questo aspetto è spiattellato con una certa direzione: cominciare a spiegare il mondo di WandaVision. Attraverso un bellissimo scambio con Monica Rambeau, sempre sotto la falsa identità di Geraldine, Wanda entra in contatto mai come prima d’ora con un soggetto che sembra esterno alla narrazione, che si trova lì per uno scopo ancora oscuro. Un aspetto interessante, ma che ingolosisce per come si tradurrà in campo cinematico (televisivo?) visto che Wanda è già confermata in Doctor Strange in the Multiverse of Madness.

SVISIONANDO

WandaVision' Episode 3 Recap: Pregnancy! Twins! Burning Questions! - Variety

Tornando però alla gravidanza e all’episodio in sé. Le sensazioni avute al debutto trovano riscontro con una puntata bella densa, ingegnosa e che strappa risate di gran gusto. La gravidanza, per quanto celere e inaspettata, riesce a essere preponderante senza risultare futile o insensata. È una bella storia (visione?) con un suo costrutto di fondo solido e dal grande intrattenimento.

Ciò però che colpisce di più è la cura e la coesione che sono riusciti a donarli, in quanto ogni elemento su schermo, scelta stilistica e artistica: o è basilare ma realizzata divinamente, oppure si trova nel campo dell’innovazione. Poi sì, nove episodi su questa scia non sarebbero molto facili da digerire, ma non credo affatto che la direzione sia quella.

Certo però c’è da dire – e lo ripeto – che il cast è veramente tanto, tanto azzeccato. E la coppia di protagonisti dà la netta sensazione di poter sostenere qualsiasi scelta importante (o meno) che si decida di intraprendere.

COMMENTO:

Pur proseguendo in un suo cammino misterioso e davvero difficile da inquadrare, WandaVision comincia a spiegare il suo immaginario seminando indizi tutt’altro che banali – nonostante si resti nel campo delle supposizioni e speculazioni. Un episodio bello, intenso, divertente e nel quale la coppia di protagonisti si diverte totalmente ad interpretare questi personaggi sotto un nuovo punto di vista. Un punto di vista e un mondo che aspettiamo solo di comprendere meglio nelle prossime puntate.

Giudizio Finale:

Ottimo
8.5

Voto

8.5/10

Autore dell'articolo: Francesco Di Maria

Nato con una penna e una cinepresa in mano, non si sforza minimamente per rendere questa biografia un minimo interessante. Scribacchino per diletto. Nerd fino al midollo. Fotografo per passione. Mangiatore per vocazione. Da un po' di tempo alle prese con L'Inventario di Chicco.