Recensione – WandaVision 1×08 “Negli Episodi Precedenti”

Trama:
Wanda s’imbarca in un viaggio pericoloso, rivisitando il passato per capire il presente e il futuro.

Cast:
Elizabeth Olsen, Paul Bettany, Evan Peters, Kathryn Hahn, Teyonah Parris, Randall Park, Fred Melamed, Jolene Purdy e Debra Jo Rupp.

DATE UN HORROR ALLA MARVEL

Negli Episodi Precedenti WandaVision

Dopo “Negli Episodi Precedenti” spero che chi di competenza vada da Feige e lo obblighi assolutamente a realizzare un horror-movie Marvel (serio), perché quello di WandaVision è un tripudio “horroristico” – ma alla televisione in generale. Abbandonando lo stile canonico delle settimane scorse (qui), nel quale ogni puntata ricalcava un periodo, un tono e una tecnica televisiva ben precisa. “Negli Episodi Precedenti” torna su binari classici e ben poco caricaturali. Per far spazio ad una narrazione matura, seriosa e dalle tinte indubbiamente horror – azzarderei la produzione Marvel più matura mai realizzata.

Partendo dal lontano 1693 a Salem in Massachusetts. Negli Episodi Precedenti è appunto un grosso riepilogo di tutto ciò a cui abbiamo assistito in WandaVision in questi mesi. Al contempo però non è “semplicemente” un riassunto, ma bensì l’episodio risolutivo di tutta la narrazione di WandaVision. Ogni interrogativo, situazione intricata e poco chiara, trova spiegazione in una puntata densissima con protagonista assoluta Wanda che ripercorre il suo passato (recente e non) sino ad arrivare a ciò che ha fatto scaturire la sua furia su Westview: il dolore per la perdita di Visione.

SCARLET WITCH

Negli Episodi Precedenti WandaVision

Puntata che prende respiro e tutto il suo tempo per non spiegare solo il perché di ciò che è accaduto a Visione, Wanda e a Westview; ma che funge da chiave assoluta nel rivelare dopo tutti questi anni di Marvel il passato e le origini di Wanda, che è ormai chiaro come ricoprirà un ruolo centrale nella prossima Fase 4. Non è banale ciò che è stato fatto. Non è banale perché il personaggio di Wanda è sempre stato sì affascinante ma, secondo me, la superficialità e anche l’impossibilità per certi versi di andare ad approfondirla (ricordo i diritti divisi con la 20th Century Fox) ne hanno frenato in parte il potenziale.

Adesso invece no. Wanda, o meglio, Scarlet Witch (!) è un personaggio pazzesco e interessantissimo per la stratificazione che ha all’interno. Quello che più affascina però è un elemento a cui pensavo in conclusione di puntata. Ovvero che la prima apparizione di Wanda risale al 2015 con Avengers: Age Of Ultron, ma che solo adesso si ha l’impressione di cominciarla a conoscere – perché effettivamente è così.

Sembra una banalità – anche se qui più che bravura dei Marvel Studios, mi sa di eventi fortunosi vari. Ma il personaggio di Wanda sta subendo una trasformazione tale che, a distanza di sei anni, non sembra mostrare il fianco a nulla e anzi, se ne vuole di più e di più. A questo va aggiungendosi la bravura di Elizabeth Olsen che ha affrontato un cammino in salita. Ma che adesso riesce a imporsi non solo un’intera serie sulle proprie spalle, ma direi un Universo Cinematografico in continuo rinnovamento.

COLLOCAZIONE CONTROVERSA

Negli Episodi Precedenti WandaVision

Ma al netto di un episodio bellissimo per come approfondisca Wanda e spieghi la genesi di questo WandaVision. “Negli Episodi Precedenti” riesce anche a distinguersi per come semini indizi sul passato di Agatha, ma anche sul futuro di WandaVision (e non) con una scena dopo i titoli di coda potentissima – tra poco ci arrivo, perché c’è un però.

Difatti, nonostante l’episodio mi sia piaciuto tantissimo. Non so perché ma mi ha restituito un effetto strano per dove è stato collocato nell’arco narrativo della serie. Mi spiego in parole semplici: un episodio straordinario e che ci voleva come risoluzione, ma che come penultimo episodio non mi convince del tutto. Non mi convince perché mi sembra esserci davvero tanta carne al fuoco per essere risolta in un solo episodio. Quindi mi dispiacerebbe vedere una storia monca che continuerà in Doctor Strange o chissà quale film – sicuramente sarà così. Sotto questo aspetto – mi rendo conto sia cercare il pelo nell’uovo – fosse stato l’ottavo su una stagione di dieci puntate, avrebbe restituito un feedback diverso. Ma visto il lavoro straordinario fatto in questo anni voglio dargli il beneficio del dubbio su una chiusura degna di nota.

Per quanto riguarda invece la scena dopo i titoli di coda, mentre si sta già fantasticando sullo scontro tra Visione e Visione. Un altro aspetto interessante è proprio quello relegato a Paul Bettany che, con un personaggio che non sembrava avere chissà cosa da dire. È riuscito ad offrire un Visione dalle mille sfaccettature e versioni, e per quale adesso si spera di non dover dire la parola fine – definitivamente – alla sua storia nella prossima puntata.

COMMENTO:

Nonostante un episodio che, personalmente, non si colloca benissimo come penultima puntata di una narrazione del genere. “Negli Episodi Precedenti” eleva WandaVision e offre le risposte che tanto si sono cercate. Un episodio che ripercorre dettagliatamente il passato di Wanda e la genesi di questo show televisivo, attraverso un tono maturo, serioso, quasi horror. Un tono opprimente – nel senso positivo – per come riesca a farci appassionare alla travagliata storia di Wanda, a tutto il dolore che ha sopportato e che l’ha portata a questo momento. Una storia densa, gustosa e che aspetta solo di essere conclusa settimana prossima nella speranza che, come dice Visione: non può essere tutto dolore, giusto?

Giudizio Finale:

Ottimo
8.8

Voto

8.8/10

Autore dell'articolo: Francesco Di Maria

Nato con una penna e una cinepresa in mano, non si sforza minimamente per rendere questa biografia un minimo interessante. Scribacchino per diletto. Nerd fino al midollo. Fotografo per passione. Mangiatore per vocazione. Da un po' di tempo alle prese con L'Inventario di Chicco.